Il magico potere del riordino (come mi pare)

Tra pochi giorni, subito dopo la Festa della Rete (ci sarete vero? Mi state anche votando come migliore foodblogger e sito food, giusto?), cambierò la mia routine, nel senso che diventerò dipendente di un’azienda – poi vi racconto meglio – e di conseguenza avrò tempi più netti, responsabilità nuove e ritmi familiari scadenzati in modo

FoodJar – Tutto in barattolo

Lo so, lo so, sono una pessima manager di me stessa! Il problema è che quando devi “maneggiare” tanti progetti insieme le cose si perdono e si accavallano velocemente. E così, a una settimana dalla sua uscita, mi ritrovo solo ora a ritagliare del tempo per parlarvi di Food Jar, il mio nuovo libro di

To do list di Aprile (ovvero, ansia da tagliare a fette)

Che io sia un pochino agitata per le settimane che arriveranno è dimostrato dal fatto che alle ore 1:00 di notte (che era mezzanotte fino a ieri, se non fosse per il ritorno all’ora solare, tra l’altro una vera manna per il mio umore) ho già preparato la colazione di domani, con tanto di tovaglioli

Storie di cucina e di pezzettini di pollo al marsala

L’ho detto e ridetto, ma quando le cose sono belle è giusto ribadirle. Se poi cascano a fagiolo come questa qui… Allora, nei giorni in cui preparavo il mio corso per la Holden ero circondata da libri, digitali e non, che parlavano di cibo. Ho preparato 40 slide + 1, e quell’una finale era la bibliografia.

Comfortgirl va a Mantova

Qualche tempo fa, non ricordo quando e chi, qualcuno mi appellò proprio così: comfortgirl. Devo ammettere di essermi appropriata del nome velocemente e molto volentieri, tanto da creare oggi una categoria apposta, una categoria per parlare anche di me, e non solo di ricette. Ehi, ma avete notato il cambio di stile? Stiamo lavorando anche

A maggio ComfortFoodie è in viaggio

Mi sono sempre piaciute le rime legate ai mesi e le filastrocche, ma non è questa l’unica ragione del titolo di questo post. Maggio infatti mi vedrà impegnata in due presentazioni del libro, una a Torino e l’altra a Barzanò. Il fatto che Comfort Foodie si faccia conoscere anche in primavera mi fa un piacere

Le polpette al vino bianco

L’elogio della polpetta è il titolo che darei a un libro sulle polpette, se mai mi venisse voglia di scrivere uno. Questo secondo piatto, visto spesso come un rifugio di avanzi culinari, è in realtà una delizia che vanta anni di storia e nella sua semplicità è uno dei cibi che più amo. Di libri

Controcampo materno: quando la protagonista non sei più tu

A un certo punto ti accorgi che non ci sei più tu, lì sul grande schermo. Perché i film, quelli che ti sono sempre piaciuti, hanno sempre avuto te come protagonista. Sono stata Rossella; Baby; Lelaina; Summer; Shelby; Sally, ma anche Harry; sono stata Gena; sono Amelie (ancora); sono stata sia Jesse che Celine; sono stata tutti i ragazzi dell’Attimo fuggente e

Spaghetti con ricotta, miele e arancia di Marco Bianchi

Ora, il libro si chiama “Le ricette della dieta del digiuno” e messa così vi chiederete cosa c’entri con il comfort food. Beh, lo sbaglio sta proprio nel porsi questa domanda! Il comfort food, come ne parlo io qui su Comfort Foodie e nella sua versione cartacea, non è cibo grasso, malsano e ipercalorico, anzi:

Fagioli e salsicce per un brunch in stile british

Qualche anno fa sono stata a Londra, e vorrei tornarci a breve, per un weekend lungo fatto di belle passeggiate e ottimo cibo, come è giusto che sia. Nei pressi dello Spitafields Market mi sono imbattuta in una catena molto interessante, che mi aveva consigliato il mio amico Simone: S&M Cafè (48 Brushfield Street, London, E1