Lo strizzainsalata e quei rumori che diventano ricordi

L’altro giorno ho usato lo strizzainsalata, o come diamine si chiama quella ciotola doppia con coperchio che gira e permette di asciugare l’insalata appena lavata. Nell’esatto istante in cui ho girato la manopola sono stata catapultata in un vortice di ricordi che partono dall’infanzia e arrivano a una coppia, la mia. La cucina era gialla,

Gamberetti burro e aglio (anche per gli spaghetti)

Rieccomi! Sono riemersa dalla mia due giorni torinese alla Holden. Le mie cinque ore di chiacchiera “Intorno al cibo” sono state intense, interessanti, a tratti divertenti e di sicuro mi hanno insegnato molto: ho rivisto la ragazzina di vent’anni che si lasciava ispirare dal professore di turno; ho rivisto le facce dei miei compagni di

In memoria dei biscotti spezzati

Qualche tempo fa ho scritto una cosa sui biscotti, una cosa che mi è nata spontanea sulla tastiera, un po’ come mi viene spontaneo recuperare per casa i biscotti spezzati per farne un ciotolone e annegarli nel latte. Vuoi non chiamarlo comfort food? Ecco, mentre leggete, io sono a Torino, al Salone del Gusto, dove

La tarte tatin che non c’è. E del perché non sono una food photographer

Questo è quanto scrivevo sul mio account di Twitter qualche giorno fa, in occasione del mio compleanno. Non tutte le foto che trovate su questo blog le ho fatte io e ci sono vari motivi per cui le cose qui vanno così: Io amo scrivere e racchiudere in una frase sapori, sensazioni e odori, che