Scatole dei ricordi: dallo scrigno dei tesori alle memory box

Poco prima dell’inizio delle vacanze, il nido di mio figlio ha inviato una mail che invitava genitori e bambini a raccogliere, durante l’estate, tanti tesori che sarebbero finiti poi nella scatola dei tesori: una scatola da scarpe piena di oggetti significativi che ogni bambino porterà a scuola all’inizio dell’anno scolastico per illustrare in modo simpatico ed evocativo le proprie vacanze a tutti i compagni.
Ho trovato l’idea non solo deliziosa, ma sopratutto educativa.

Sono tante le attività che si possono fare con i bambini, anche quando sono molto piccoli, ma con quelli in età da nido è sempre difficile trovare un’idea stimolante e che tenga alta la loro attenzione per più di dieci minuti.

Durante l’estate ho raccolto per Tommaso: i biglietti delle terme a cui siamo stati, i sassolini del lago, le conchiglie sulla spiaggia, un rametto di rosmarino che viene dalla Toscana, tutti i gadget della Notte di fiaba, una pallina rimbalzina e i biglietti del parco giochi. Ah, volevo mettere anche un popcorn, ma lui l’ha mangiato. Poi ho preso una scatola per le scarpe e ho cominciato a pensare a come decorarla. Ed è qui che è intervenuto Tommaso e il gioco ha avuto inizio.

Mentre io volevo solo rivestirla di carta colorata e farci una bella scritta per identificarla come “La scatola dei tesori di Tom“, ma poi lui e i suoi pennarelli hanno preso il sopravvento e, colorando come capitava, ha disegnato tutto il coperchio alla rinfusa. Ho deciso di lasciarla così, per renderla ancor più sua.
Oggi scriverò la letterina di accompagnamento della scatola in cui descrivo tutti gli oggetti, e poi stamperò qualche foto per ricordare anche con le immagini tutto quello che ha visto e fatto Tommaso negli ultimi due mesi.
La scatola la porteremo a scuola e la maestra l’aprirà con Tommaso e insieme ai compagni ripercorreranno le piccole tappe della sua estate.

Sono fiera del mio nido per questa idea e vi consiglio, anche se nessuno ve l’avesse chiesto, di farlo con i vostri figli. La scatola dei tesori può diventare un rito annuale con il quale divertirsi e sviluppare la memoria dei piccoli. D’altronde, sono certa che tutti voi avete una scatola dei tesori nascosta in cantina, piena di souvenir e ricordi delle vostre estati. Andate a prenderla e tornerete, se non bambini, almeno adolescenti!

Di altre scatole e di altre ricordi
Ho letto qui un post interessante sulle Memory Box: una scatola in cui usualmente, nei paesi anglosassoni, si conservano i ricordi delle persone sia vive che morte. Sembra sia molto usata in caso di morte prenatale perché aiutare, a suo modo, i genitori a superare la terribile perdita.

[Foto: lovelihood]

 



5 thoughts on “Scatole dei ricordi: dallo scrigno dei tesori alle memory box”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.