Qualche ora al Salone del Gusto

Qualche ora al Salone del Gusto

E anche quest’anno, dopo due di attesa, sono stata al Salone del gusto di Torino, organizzato da Slowfood.

È stata una fuga veloce di un giorno, mentre eventi simili meritano di essere visti in maniera slow, e neanche si riescono a vedere bene così, tale la mole di persone, prodotti e convegni.

Invitata da Martini, in questa mia giornata convulsa, ho visto diverse cose e qui vi lascio dei brevi appunti per non perdere cose interessanti, dato che il Salone è al Lingotto fino a lunedì compreso.

1. Passate allo stand “Vermouth di Torino & Co”, presso il Padiglione 2, realizzato grazie alla collaborazione con Martini&Rossi: un luogo accogliente dove seguire brevi corsi sul Vermouth, una grande eccellenza italiana, e testarne la bontà in mille cocktail diversi. Ho avuto l’onore di conoscere Mauro Lotti, il padre di tutti i batender italiani.

IMG_0222_Fotor

IMG_0218_Fotor

2. Se aveste bisogno di una pausa caffè, chi non c’è l’ha, vi consiglio lo stand Lavazza: tra nuovi blend, preparazioni interessanti sia calde che fredde, e la possibilità di gustare il caffè con il metodo pour-over potrete anche osservare le immagini del nuovissimo calendario Lavazza 2015 “The earth defenders”, realizzato dal fotografo Steve McCurry.

IMG_0220_Fotor

3. Romani e non, fatevi un giretto nell’area Lazio e passate dal signor Argentati per un panino con la porchetta. Non fa mai male.

IMG_0224_Fotor

4. Scoprite il calendario delle conferenzequi. Ieri ho partecipato a “I valori di Slow Food nel mondo del fast food: un movimento globale per l’Educazione Edibile” con Alice Waters, Jamie Oliver e Carlo Petrini, moderati da Corby Kummer dell’Athlantic Monthly. Bellissimo incontro, viste anche le personalità sul palco, anche se confesso di aver trovato il modo di parlare e i temi esposti da Alice Waters al limite del lagnoso. Mi aspettavo un piglio più sferzante, una donna che ti dà la carica, e ne sono rimasta un po’ delusa. Sopratutto se dopo di te parla Jamie o Petrini, due uomini completamente diversi e distanti nel modo di porsi, ma con un carisma che ti tiene incollata con l’orecchio.

5. Poi ci sono i fratelli Marino, Flavio e Fusto, e i loro genitori, e le loro fidanzate, e tutti che come me amano questa famiglia di mugnai! Semplicemente favolosi: non potete non passare a prendere il vostro pacchetto di farina. Mi raccomando!

10639671_10204345042413684_154992622371492945_n

6. Per riprendervi dalla giornata vi consiglio un piatto di pasta accompagnato da un cocktail originale: è il mini evento Pasta Distillata, che si svolge in vari momenti della giornata, organizzato da Prime Uve e Pastificio dei Campi.

10527671_10152803537925761_7893653015990228371_n_Fotor

IMG_0227_Fotor

Ah, e comunque ho visto Jamie e gli ho regalato il mio libro “Comfort Foodie“.

IMG_0223_Fotor



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.