Polpo e patate

Polpo e patate

La parola polpo, come polpa, mi piace: mi riempie la bocca, mi fa sentire sazia. È una parola sexy.

Per pronunciarla le labbra si baciano tra loro all’inizio e alla fine e in mezzo, sulla “l”, la lingua schiocca. Provateci!

Uno dei motivi per cui amo la cucina è perché mi piace immaginarla e raccontarla, quasi più che prepararla. Non smetterò mai di dirlo. E il polpo con patate mi piace un sacco sotto tutti gli aspetti.

Prepararlo: la pratica dell’arricciamento dei tentacoli del polpo (sì, povero polpo, ma quanto è buono? Vedi all’hashtag #onnivora) mi diverte molto, penso sempre a quando si entra nella vasca da bagno bollente – la mia è sempre bollente quando entro – e si ritrae di corsa il piede per non scottarsi. Ecco il polpo fa così. Sarà per questo che io, quando esco dalla vasca, sono sempre rossa come un polpo appena cotto.
Mangiarlo: fresco e compatto; morbido e profumato; sa di estate e di capelli bagnati dopo la doccia di ritorno dal mare. Di solito lo preparo al mattino, lo condisco a pranzo e lo mangio per cena. Una preparazione lunga una giornata, una di quelle giornate senza niente da fare, sempre più rare ormai.
Insomma, il polpo con patate pensavo di averlo giù postato e invece no. Per cui eccolo qui.

IMG_1274

  • 1 kg di polpo
  • 1 cucchiaio di aceto di vino bianco
  • 5 bacche di ginepro
  • 1 kg di patate
  • prezzemolo
  • olio

Prima di tutto mettete a bollire in un pentolone capiente dell’acqua con l’aceto e il ginepro. Poi prendete il polpo, già  pulito, e tenendolo per la testa immergete e tirate poi fuori dall’acqua tentacoli, ripetete per tre o quattro volte, affinché si arriccino bene. Una volta finita questa operazione potete immergere completamente il polpo e farlo cuocere, a fuoco basso, per circa 40 minuti (20 minuti ogni 500g). Le patate farle bollire in una pentola a parte oppure direttamente nell’acqua con il polpo, una volta circa 25 minuti dall’inizio della cottura.

Scolate le patate quando saranno morbide, mentre il polpo dovrete lasciarlo raffreddare nella sua acqua di cottura. Non appena sarà tiepido, scolatelo e fatelo a tocchetti.

Tagliate a pezzettoni anche le patate, condite il tutto con olio, sale, pepe e prezzemolo tritato.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.