I peperoni per Manuela

I peperoni per Manuela

Salve Ilaria, mi chiamo Manuela,  le scrivo per chiederle una ricetta alternativa per cucinare i peperoni. Mi interessa che sia digeribile visto che la mia bimba di 18 mesi è un caterpillar del cibo e se vogliamo mangiare lei non può fare a meno di provarla. Grazie infinite!

Questa è la prima mail che ho ricevuto da quando ho deciso di dare il via a una piccola rubrica che avevo in mente da un po’: #confortoculinario, una piccola posta del cuore, o meglio della pancia, per dare consigli o un semplice “pat pat” sulla spalla a tutti quelli che, come me, si trovano a dover fronteggiare l’eterna lotta al cibo quotidiano.

Cucinare, non per le semplici occasioni o per il pranzo della domenica, è una sfida quotidiana e può essere affrontata in 5 modi:

  1. Cucinare quello che ci piace, perché ci piace e lo facciamo con passione, trovando anche il tempo di variare il menu familiare. Preferibilmente si fa la spesa al mercato, quasi quotidianamente, non si surgela nulla e si preparano cibi freschi e di stagione.
  2. Cucinare cibi precotti, congelati, preparati. Lo fa chi è di fretta, chi non sa cucinare e/o chi non ha voglia di sbattersi troppo. Ci sono comunque prodotti in commercio di ottima qualità, ma se non li sai preparare anche i migliori vengono male.
  3. Ordinare take away ogni sra: se siete molto ricchi e avete uno stomaco di ferro.
  4. Cenare fuori ogni sera: se siete davvero molto ricchi.
  5. Cucinare semplice, con amore, unendo un minimo di basi a un pizzico di inventiva, cercando di rispettare le stagioni e comprando buoni prodotti, confezionati e non.

Ecco, il quinto credo sia il mio caso, con grandi quantità di passione a condire il tutto.

Torniamo alla mia posta della pancia, che da oggi chiameremo #confortoculinario.

Cara Manuela, la prima cosa che voglio dirti è che la stagione dei peperoni è l’estate e per questo, senza arrivare agli eccessi del pollo con i peperoni alla romana per il pranzo di Ferragosto, sarebbe meglio cucinarli e mangiarli proprio tra giugno e settembre. Ma quest’anno, data l’estate quasi autunnale, c’è ancora qualche peperone in giro. E io ho usato questi per la ricetta che ti consiglio.

Seconda cosa, per rendere digeribile il peperone l’unico modo è levargli la pelle e per farlo il modo che preferisco è il seguente: lavate i peperoni, asciugateli e sistemateli su una teglia da forno foderata con carta forno o alluminio. Scaldate il forno a 200° e fatevi cuocere i peperoni per almeno 40 minuti, o quando non li vedrete belli bruciacchiati. Sfornateli e sistemateli in un sacchetto per alimenti oppure avvolgeteli con la pellicola e lasciate che raffreddino così. L’umidità aiuterà la pelle a staccarsi. A questo punto spellateli, eliminate i semini interni e lasciateli marinare con olio, sale e prezzemolo (se non sono per i bimbi potete mettere qualche fettina di aglio).

Peperoni in forno
peperoni a marinare

Terzo punto, meglio usare peperoni bio, sopratutto se prevedi di usarli per la tua bimba.

Anche io ho un bimbo di 18 mesi che mangia molto volentieri, e questa ricetta degli straccetti è stata da lui testata e approvata. Poi con il tempo i gusti cambiano: a Tommaso, 3 anni e mezzo, non piacciono i peperoni e la carne fa fatica a mangiarla.

Dato che gli straccetti non sono troppo conditi, ti consiglio di accompagnali, se vi piace, a un pane all’aglio: noi l’adoriamo!

Pane all’aglio (o garlic bread)

Pane all'aglio Collage

  • una ciabatta lunga
  • origano
  • 1 cucchiaino sale
  • 1 presa di pepe
  • 3 cucchiaini d’olio
  • 3 spicchi d’aglio

Preriscaldate il forno a 180°. Su una teglia da forno mettete un lungo foglio di carta da forno e appoggiatevi sopra la ciabatta. Incidete profondamente il pane, prima nel senso della lunghezza e poi diagonalmente creando delle fette spesse circa tre centimetri. Oliate, pepate, salate e spargete l’origano su tutto il pane. Prendete uno schiaccia aglio e tritate bene i tre spicchi e distribuiteli lungo le fessure, massaggiando bene il pane. Arrotolate la ciabatta aromatizzata nella carta forno e fate cuocere per venti minuti.

Straccetti con i peperoni

collage peperoni

  • 500g di fettine di vitello tagliate sottili, per straccetti
  • 1 cucchiaio di olio
  • peperoni marinati
  • sale e pepe

Scaldate il cucchiaio di olio in padella, trasferite gli straccetti e cuocete a fiamma vivace, condite con sale e pepe, non appena gli straccetti saranno meno rosati (circa 5 minuti, saltandoli di tanto in tanto), aggiungete i peperoni che avrete fatto marinare una mezz’ora con olio, sale e prezzemolo, saltate il tutto e servite subito.

Altri consigli di conforto culinario:

– Potete sostituire gli straccetti di vitello con il pollo, fatto a tocchetti o anch’esso tagliato a fettine piccole.

– Se non dovete darlo ai bambini provate ad aggiungere delle spezie messicane e usate la carne per farcire le fajitas.

– Ai bambini i peperoni si possono dare senza alcun problema, provate questa ricettina di una esperta di ricette per bambini!

 

 

 



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.