Le cotolette di pollo: e tu che panatura fai?

Tra le tante diatribe culinarie che si tengono più o meno quotidianamente in casa Neri-Mazzarotta c’è quella sulla cotoletta.
A me piace. Punto. Nel senso che dalla cotoletta di vitello come la faceva la mia nonna a quella fritta nel burro chiarificato di Pierino Penati, io le mangio tutte; ne riconosco i pro e i contro, ma tendenzialmente mi piacciono tutte. L’unica eccezione è la cotoletta giallognola e gigante che si trova nei bar milanesi in bella vista per essere scaldata in microonde a favore del primo avventore della pausa pranzo. Ecco, quella mi sa di finto.
Al Neri invece piace quella di pollo, ma la carne deve essere molto battuta, anche perché il vero obiettivo della cotoletta non è mangiarla così com’è ma renderla protagonista di un superpanino. Poi ovviamente gli piacciono anche tutte quelle che vengono preparate da chef degni di questo nome, fritte nel burro e magari impanate con i grissini, per dire.
Entrambi, ma qui non si parla di cotolette, ma bensì di carne impanata e fritta, nello specifico della fassona alla piemontese di Davide Scabin, puntiamo a farci una cenetta presso il Combal Zero, alla faccia del comfort food.
Tornando alla questione panature: nella ricetta di oggi ve ne presento una con l’aggiunta di prezzemolo, come è solita fare la madredilui;  è un’idea carina, diversa dal solito, perfetta per un piatto estivo.
Io per la panatura uso spesso anche il panko, per quell’effetto tonkatsu: piatto di cui presto vi parlerò, non appena il mio amico Claudio me l’avrà preparato a domicilio.
E voi come impanate la cotoletta?
Le cotolette di pollo

Prep time:
Cook time:
Total time:
Serves: 4
Ingredients
  • 500 g di petto di pollo
  • pangrattato
  • 2 uova
  • un cucchiaio di latte
  • olio per friggere
  • sale
  • pepe
  • un ciuffo di prezzemolo
  • limone
Instructions
  1. Tagliate il pollo a fettine dell’altezza che preferite.
  2. Sbattete le uova con il latte, salate e aggiungete il prezzemolo tritato.
  3. Mettete l’olio a scaldare in un’ampia padella.
  4. Passate le fette di pollo prima nell’uovo prezzemolato, poi nel pangrattato e infine tuffatelo nell’olio.
  5. Lasciate cuocere circa tre minuti per lato, ma molto dipende dallo spessore della fetta.
  6. Fate scolare su un foglio di carta assorbente o carta paglia.
  7. Mangiate calde o fredde.

Photo credits: www.cookaround.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.