I genitori si commuovono tutto l’anno, ma a Natale di più.

Qualche giorno fa, leggendo le notizie online nel tempo del riposino di Tom, mi sono imbattuta in uno di quei titoli di giornale fatti apposta per incuriosirti tra un articolo sulla crisi e uno sul governo Monti (che poi è un po’ sempre lo stesso argomento).
Il titolo recitava così: “Il regalo perfetto: lo spot di Natale commuove il web” e io ci sono cascata. Click.

Premessa dovuta a voi lettrici: sono una fan sfegatata di tutto quello che abbia a che fare con il Natale, sopratutto canzoni. Dal primo dicembre (oggi si comincia) fino allo scadere dell’Epifania faccio partire a qualsiasi ora del giorno e della notte la mia playlist natalizia che va da Dean Martin a Christina Aguilera, passando per Nat King Cole. Amo lo spirito del Natale, quello da commedia romantica, dove tutti si amano, si ritrovano e si baciano. E poi si fanno i regali. Ah, i regali.

Ecco, è proprio di regali che parla lo spot che ha commosso il web: la pubblicità natalizia del grande magazzino John Lewis, sulle note di “Please, please, please” degli Smiths cantate da Amelia Warner.
Eccolo.

Sono certa che se non fossi diventata madre da poco questo video non mi avrebbe fatto lo stesso effetto. Lungi da me pensare che chi non ha o non vuole figli non possa avere un animo sensibile e non possa commuoversi davanti a sceme fatte apposta per smuovere qualcosa dentro.
Quel qualcosa, però, con un bimbo in casa si amplifica e si trasforma in un vortice di emozioni che, ben shakerate con un video/canzone/film realizzato ad hoc, sfociano in una valle di lacrime. E non vale solo per le mamme, perché anche i papà cadono nel trappolone. Ve lo assicuro.
Ecco, poi ci sono anche i papà che non crescono mai.

Commovente, no?
A parte gli scherzi, sono curiosa: ma anche voi vi sciogliete come il burro davanti a queste scene oppure dopo il primo anno di vita di un figlio si torna normali?

One Reply to “I genitori si commuovono tutto l’anno, ma a Natale di più.”

  1. Il secondo video rispecchia in pieno quello che è accaduto l’anno scorso quando a Natale regalai a mio marito la sua consolle preferita..e anche lì, che lacrime ragazzi!!(le sue di gioia, le mie di disperazione)..il primo è di una tenerezza unica…evviva lo spirito del Natale!!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.