Parmigiana di carne, ovvero la cotoletta al sugo

L’altra sera avevo otto amici per cena e come sempre mi ritrovo davanti all’enorme dilemma del comfortfoodie: preparo dei piatti comfort, ormai approvati e dal successo assicurato, oppure mi butto su qualcosa di più foodie e provo un piatto nuovo? Ho scelto il comfort, anche perché fino all’ultimo ero convinta di dover passare il pomeriggio fuori

35 polpettine, ma chi le conta più ormai

La mia vita, come pronosticavo a inizio anno, si avvicina parecchio al contenuto di un frullatore. Ogni tanto vado a velocità 1; ogni tanto 5; e ogni tanto qualcuno, per divertirsi, avvia pure la funzione “pulse”. Tra un delirio e una ricetta siamo a metà aprile: a Milano è primavera,  fuori c’è il Salone del Mobile e

Io alla Prova del Cuoco e le costolette

Qualche settimana fa sono stata alla Prova del Cuoco e quelli che vedete in foto sono parte degli ingredienti della ricetta che ho preparato. Mi piaceva molto il mio “cestino comfort”. Sono stata invitata a prendere parte alla nuova sfida chiamata “Masterblog”. Insieme a Chiara di “Ma che davvero?” siamo state protagoniste di una competizione, molto

Storie di cucina e di pezzettini di pollo al marsala

L’ho detto e ridetto, ma quando le cose sono belle è giusto ribadirle. Se poi cascano a fagiolo come questa qui… Allora, nei giorni in cui preparavo il mio corso per la Holden ero circondata da libri, digitali e non, che parlavano di cibo. Ho preparato 40 slide + 1, e quell’una finale era la bibliografia.

Parliamo di cavoli, bambini e bambole. C’è anche una ricetta, anzi due.

Adoro la verza: mi piace il profumo, il colore, il sapore, la consistenza… Tutto. La verza mi fa sempre pensare a una delle bambole che più amavo da piccola: Camilla, la bambola con il passaporto. E lo so che ora parte la polemica anni ’80 perché in realtà Camilla non fa parte delle Cabbage Patch

L’arrosto, il suo sugo e la pasta

Qualche giorno fa una cara amica mi ha scritto: “Seguo il tuo blog, ma c’è sempre una cosa che mi manca: mi piacerebbe trovare abbinamenti per delle cene. Mi piacerebbe avere idee per un menu completo, magari a tema.”  E in effetti non ha sbagliato, perché uno dei crucci di tutti noi, chi cucina e

I mondeghili o polpette di bollito e un’insana passione per i carrelli

Sono a casa con tutti e due i bimbi un po’ febbricitanti. Il tempo per cucinare e scrivere si riduce drasticamente, a meno che non si decida – come faccio io – di mettere sul fuoco qualcosa che non impegna la mente, richiede molto tempo e porta ottimi risultati pronti per l’ora di cena. Parlo

Il pollo al latte di Jamie Oliver

Parliamo di Jamie, quel gran bel figliolo inglese che, tutt’altro che casualmente, è anche chef, simpatico, allegro e molto sveglio. Insomma, l’uomo ideale. Se non fosse che mi ha copiato, visto che qui di comfort food se ne parla da un bel po’. A parte gli scherzi, sono molto felice del fatto che abbia preso