Cucinare con lentezza.

Le cotture lente sono uno splendido modo di cucinare i cibi, ma di certo non appartengono al mio modo di cucinare. Prima di tutto perché la mia è una cucina quotidiana, fatta con amore, ma dedicata sopratutto a un compagno e due bimbi e all’esigenza di mangiare bene ogni sera, ma in maniera semplice; secondo, perché sono impaziente e cose come le cotture lente o la panificazione non mi vanno troppo a genio.

Queste due premesse per dir che io, però, quando non cucino, ma sono seduta a un tavolo sono una superfan di tutti quei cibi che hanno avuto bisogno di ore di cottura: brasati, stracotti, zuppe, bolliti…

Uno dei posti che più amo a Milano ultimamente è infatti Aromando Bistrot, ma ve ne parlerò presto, in quanto scenario di una delle mie più recenti uscite serali.

Da Aromando, famoso per proporre piatti molto “comfort” e molto “foodie”, sono stata anche qualche settimana fa per la presentazione di un libro che ha ispirato la ricetta di oggi: “Slow Cooking per tutti: Tecniche antiche e moderne di cottura lenta” di Cristina Scateni, amica, foodblogger, buongustaia e collega.

Chissà se Cristina approverà questo mio stracotto, nato dalla curiosità di provare un pezzo di carne decisamente economico e mai usato da me prima di domenica scorsa.

I miei amici, capitati a cena proprio l’altra sera, hanno approvato a pieni voti.

Ho servito il morbidissimo stracotto con della Polenta Valsugana integrale perché esistono anche i comfort food “precotti” e salvacena che in soli otto minuti, otto, possono fare da perfetto accompagnamento, senza stonare troppo.

Perché il va bene il food, ma anche in cucina anche il comfort – nella sua accezione più semplice di “comodità” – vuole la sua parte.

stracotto-coppa

Stracotto di coppa con cipolle e spezie
Prep time:
Cook time:
Total time:
Serves: 4
Ingredients
  • 800 g di coppa di maiale per arrosto (un pezzo unico)
  • 1,5 l di brodo
  • 2 bicchieri di vino rosso
  • 2 cipolle rosse
  • 1 stecca di cannella
  • 1 noce di burro
  • 2 cucchiai di olio
  • 3 chiodi di garofano
  • sale e pepe
Instructions
  1. Salate e pepate la carne.
  2. Tagliate a fettine sottili la cipolla e fatela appassire in una casseruola con olio e burro.
  3. Una volta appassita la cipolla eliminatela dalla casseruola.
  4. Unite la carne, alzate la fiamma e fate rosolare su tutti i lati.
  5. Bagnate con il vino e fatelo ridurre della metà.
  6. Aggiungete nuovamente le cipolle, la cannella e schiacciate i chiodi di gaorfano la cui polvere unirete al resto.
  7. Unite il brodo caldo (io l’ho preparato semplicemente con acqua e due dadi classici)
  8. Fate cuocere per 5 ore, controllando che il liquido non si asciughi troppo.
  9. Una volta pronta la carne, versate un cucchiaio di farina nel liquido e frullate con un frullatore a immmersione per creare il gravy (o salsa).

 stracotto-coppa