Una delle cose che mi piace preparare, sopratutto quando non ho molto tempo e poca voglia di stare ai fornelli, sono le pannocchie. Classiche, semplici, giallissime, pannocchie.
Ora, la scelta principale da fare è solo una: comprarle precotte o fresche? Per esperienza vi dico che le precotte sono pulite, comode e ci sono tutto l’anno; ma se volete godere del buon sapore del mais dovrete aspettare di trovare quelle fresche, pulirle e poi lessarle per una ventina di minuti prima di passare alla grigliatura.
Altra cosa da fare subito, prima di grigliarle, è porzionarle: prendete le pannocchie bollite e tagliatele, imprimendo non poca forza, per ottenere delle pannocchie mangiabili semplicemente tenendole tra pollice e indice, circa 10 cm per intenderci.
Se poi non voleste tenerele con le mani esistono in commercio dei simpatici “infilza pannocchia”, come questi.

Ora che le vostre pannocchie sono bollite e porzionate, non vi resta altro che dare fuoco alle fiamme e scaldare la griglia.

Vi basteranno pochi minuti per lato per ottenere delle profumate pannocchie, pronte per essere azzannate.

Il modo migliore e più classico per mangiare il mais è condirlo con burro e sale, ma gli americani – esperti in Bbq e pannocchie grigliate – hanno altri modi per condirle e io sono qui apposta per darvi nuove idee molto comfort e molto foodie.

Burro alle erbe: prendete un panetto di burro a temperatura ambiente, tritate finemente delle erbe fresche come basilico, salvia, rosmarino, timo e maggiorana, aggiungete un cucchiaino di sale e uno di pepe. Mischiate il tutto e formate nuovamente un panetto che chiuderete nella carta forno e lascerete riposare in frigo almeno un’ora prima di usarlo.

Burro all’aglio: altro panetto di burro morbido, reso cremoso lavorandolo con una forchetta, due spicchi d’aglio pestati in un mortaio, sale e pepe. Stesso procedimento di prima: mischiate tutto insieme, formate il panetto e fatelo riposare in frigo.

Altro: paprika, erba cipollina, una spuzzata di lime…

Sale e burro non dovrebbero mai mancare all’appello, ma i salutisti posso limitarsi a un pizzico di sale e CRUNCH!

(Foto di Romulo Yanes per Bon Appetit)