12 cose da non fare se vuoi che tuo figlio cresca sereno

Ho letto un articolo sul The Atlantic che elenca le 12 cose più importanti che un genitore non dovrebbe fare se desidera vedere crescere il proprio figlio sano e allegro.
Partendo dal presupposto che siamo inondati di libri che ci raccontano cosa sia meglio fare, all’Atlantic hanno deciso di chiedere ad alcuni esperti (pediatri, pedagogisti, psichiatri infantili..) cosa sarebbe corretto non fare in modo da evitare traumi nei nostri piccoli.
Vi riassumo quanto scritto nell’articolo perché trovo siano delle informazioni utili: un piccolo vademecum che mi trova praticamente d’accordo in tutto. Trovo siano consigli importanti, da tenere sempre a mente, almeno per i primi vent’anni di vita di vostro figlio.
Potete anche stamparlo, ritagliarlo e appiccicarlo al frigo!

1. Minacciarlo.
“Marcooooo, andiamo che è tardi?”
“No!”
“Allora ti lascio qui!”
Ecco, questo non andrebbe fatto. Secondo gli esperti, non bisogna farsi prendere dal nervoso e, soprattutto, non si dovrebbe mai rispondere con una minaccia, anche se in quel momento vi sembra l’unica (per voi innocua) cosa da fare. L’atteggiamento migliore sarebbe quello di preparare “Marco” per tempo, magari spiegandogli il perché ve ne dovete andare dal parco, cercando di incoraggiarlo, senza traumatizzarlo.

2. Dirgli le bugie. Si sa, le bugie hanno le gambe corte, ma con i bambini possono anche avere un effetto destabilizzante. Ogni volta che accade qualcosa che ti sembra difficile spiegare, cerca di dire la verità trovando le parole migliori e più adeguate alla sua età. Ad esempio: quando muore qualcuno è sempre meglio trovare un modo semplice e chiaro per dire quanto è accaduto, piuttosto che inventarsi cose come “Sai, il gatto è andato via per un po’“. Ovviamente, vanno escluse da questa categoria le bugie su Babbo Natale, la Befana e L’isola che non c’è (e questa l’ho aggiunta io!).

3. Comportarti male. I bambini sono come delle spugne e l’esempio è il primo metodo di insegnamento nelle mani di un genitore. Il professor emerito Dr. David Elkind, esperto di sviluppo del bambino presso la Tufts University, afferma che “il nostro comportamento vale più di mille parole“. Se vogliamo che un bambino mostri rispetto per gli altri e sia gentile dobbiamo essere noi genitori i primi a comportarci in tal modo.

4. Pensare che ciò che ha funzionato con il primo – o con voi – funzionerà con il secondo. Sempre il dott. Elkind spiega come “l’acqua che bolle un uovo può lessare una carota… Ovvero, lo stesso comportamento può dare risultati diversi con figli diversi.” La personalità del bambino non va mai sottovalutata e cercare di capire le esigenze dei propri figli, di ogni singolo figlio, aiuterà loro a crescere al meglio.

5. Andare nel panico se disubbidisce. Uno dei modi migliori per “incasinare” la crescita di un bambino è perdere di vista la visione generale, focalizzandosi solo sul singolo evento. Non trasformare ogni errore in una tragedia! E ricorda sempre che un bambino cresciuto in un’ambiente sereno e ricco di affetto difficilmente si ribellerà ai “No” categorici che potrà incontrare lungo il suo percorso di crescita.

6. Pensare che tuo figlio non debba essere trattato come un bambino. Cacchio, è un bambino! A differenza di quanto spesso si sente dire, non è affatto vero che tuo figlio sarà un viziato solo perché lo coccoli e ci sei quando ha bisogno di te. Dott. Tovah Klein, direttore del Barnard Toddler Center della Columbia University, sottolinea come “le ricerche l’abbiano chiaramente dimostrato: i bambini che ricevono affetto e attenzione crescono più indipendenti e sicuri di sè“. E ricorda: quando un bambino piange c’è sempre un motivo. 

7. Punire o rimproverare il proprio bambino quando urla, spinge o tira le cose. Esprimere la rabbia lanciando oggetti o urlando rientra nella natura di un bambino. È un modo per manifestare i propri sentimenti. Più che sgridare tuo figlio sarebbe meglio cercare di spiegargli perché non ci si comporta così.

8. Essere un amico piuttosto che un genitore. È un errore, specialmente quando i figli cominciano a crescere. È chiaro che sia molto più facile dire dei sì piuttosto che dei no, ma quando i figli cominciano a diventare adolescenti il rischio di trasformarsi, per quieto vivere, in amici pituttosto che gentiori è alto. E controproducente.

9. Riempire gli scaffali di schifezze. Mangiare bene e mangiare insieme è uno dei modi migliori per evitare che tuo figlio abbia dei rapporti conflittuali con il cibo o diventi obeso. Molti studi hanno dimostrato che i ragazzi che mangiano con la famiglia hanno maggior successo a scuola e meno problemi di attenzione rispetto degli altri.

10. Usare sempre la macchina. Impara a essere attivo – se già non lo fossi – e insegnalo ai tuoi figli. Questo non significa chiudersi in palestra tutti i giorni, ma solo cercare di evitare di usare la macchina per ogni minimo spostamento. Fa che tuo figlio trovi normale muoversi a piedi.

11. Sentirti responsabile per ogni singolo aspetto della sua crescita. Essere un genitore con continui sensi di colpa non aiuta. Fai il possibile per tuo figlio, ma non piangerti addosso se non sei riuscito a mandarlo nella migliore scuola del mondo o non l’hai iscritto al corso di calcio migliore della città. Fai il tuo massimo e sii soddisfatto delle tue scelte.

12. Pensare che ci sia un unico modo per essere dei bravi genitori. Come già detto, non c’è una regola: ogni bambino si comporta diversamente e non esite un modello genitoriale che vada bene per tutti. Tu e tuo figlio avete caratteri diversi, è chiaro: alcuni si prendono da subito, mentre per altri ci vuole tempo. Imparare a consocersi è l’unica regola: solo così potrai sapere come reagire a determinati comportamenti.

Foto: tornatore



5 thoughts on “12 cose da non fare se vuoi che tuo figlio cresca sereno”

  • Ciao . Ho un fratello piccolo di 4 anni. Io sono una ragazza di 15 anni. La mattina sta con mia madre e il pomeriggio con me perché lei deve andare al lavoro. Lui, quasi tutto il giorno, fa dei capricci quasi lunghi per attirare l’attenzione (urla forte,tira le cose, mena, salta,) e mangia troppo schifezze (patatine fritte,wursel, hamburger, caramelle, merende). Ho provato ad aiutarlo a cambiare l’atteggiamento e il modo di mangiare ma non ci sono riuscita perchè lui rifiuta sempre.Poi a casa c’è anche mia nonna ma lei sta sempre a urlare e dice un pò di parolaccie e ad alcune volte quando mio fratello ha fatto qualcosa che non deve fare ed io mi arrabio e gli dico che non si fa, lui piange e va dalla nonna e lei lo coccola e si arrabia con me perchè gli ho fatto piangere. Mia nonna a volte si comporta veramente come una bambina(intendo dire che anche lei vuole attirare l’attenzione).Ho tanta paura che mio fratellino si comporta sempre così e anche ho paura che se lo mando all’asilo si scatena e crea dei grossi problemi. Che cosa posso fare? Sto impazzendoo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.